venerdì 17 giugno 2011

ISCRIVETEVI: 2 WORKSHOP DI DISEGNO al PICNIC!festival

I laboratori si possono prenotare al redazione@picnicfestival.it
o direttamente sul posto la giornata del 26 giugno.

2 WORKSHOP PICNIC!festival

Dalle 10.30 alle 13.00
Workshop con la Fabbrica delle Favole 
Accademia Internazionale d’illustrazione di Macerata 
Laboratorio con Mauro Evangelista aperto agli aspiranti illustratori 
(massimo 12 persone)

Una carriera costellata di  successi, di pubblicazioni e di premi importanti (tra i quali il Premio Andersen Miglior Illustratore, il Premio Emanuele Luzzati per l’Illustrazione, il Premio Creativa-Mente)
Mauro Evangelista è un illustratore affermato, noto in tutto il mondo e fondatore dell’ associazione “Fabbrica delle Favole”.  Master e corsi per illustratori tenuti dai più grandi nomi al mondo: “Libriamoci ,di cui sono l’art director – spiega Mauro – ha tra gli altri obiettivi quello di portare a Macerata tutto il mondo che conosco.” Cosa consiglia un artista come lui ad un giovane che voglia iniziare la carriera di illustratore? “Sicuramente di lavorare molto perchè ci vuole una passione infinita; a parità di talento va avanti il più cocciuto.


http://www.fabbricadellefavole.com/


Dalle 15.00 alle 17.00 

Come rimontare una pagina del “TEX” di Magnus 
con la Scuola Internazionale di Comics (Reggio Emilia)
 'La valle del terrore' è stata l'ultima grande fatica del papà di Alan Ford.

Laboratorio con Matteo Casali aperto ai principianti 
(massimo 10 persone)





MAGNUS Diplomatosi in scenografia, nel 1964 inizia una lunga collaborazione con Max Bunker, insieme al quale darà vita a numerosi e popolari personaggi: da Kriminal a Satanik, da Dennis Cobb a Gesebel, da Maxmagnus al celeberrimo Alan Ford, rimasto indelebilmente legato allo stile inconfondibile impresso dal visionario Magnus.
Autore dallo stile elaborato e per certi versi barocco, dai tratti marcati e dai forti contrasti, Magnus è considerato un vero e proprio gigante del fumetto mondiale, un artista che avrebbe contribuito a traghettare questo mezzo di comunicazione tipico del Novecento dalla "bassezza" di molti prodotti popolari (a cui lo stesso Magnus ha più volte collaborato, forse anche per necessità alimentari), alla dignità di mezzo espressivo colto e raffinato. Basti dire, a titolo di esempio, che alcune sue storie sono di recente entrate addirittura in libreria, stampate nella giovanilistica collana "stile libero" di una casa dal nome blasonato come Einaudi. 


http://www.scuolacomics.it/portale/